GP 12 – Loket

La dodicesima prova del Campionato Mondiale Motocross si è disputata in Repubblica Ceca, a pochi chilometri da Karlovy Vary, sulla pista di Loket, uno dei tracciati storici europei, che ha ospitato il mondiale a partire dal 1961, anche se non continuativamente.

Il team KTM Marchetti Racing a causa dello sfortunato infortunio al ginocchio incorso a Matteo Bonini Domenica 29 Luglio nel corso della gara per beneficenza Everts & Friends, in Belgio, ha affrontato la trasferta orientale con il solo Giacomo Del Segato, nella categoria MX2. Per Giacomo si tratta del rientro alle gare dopo un lungo periodo di stop (l’ ultimo Gran Premio corso era Saint Jean d’Angely a inizio Giugno), a causa di una fastidiosa affezione virale, la mononucleosi, che gli causava diversi disturbi e debolezza, associati anche ad una bronchite, non permettendogli continuità di allenamento né una buona condizione fisica. Solo da circa un paio di settimane le condizioni di Giacomo sono migliorate ed ha potuto svolgere alcune sessioni di allenamento con il team, in Belgio, tanto da decidere, in accordo col team manager Elio Marchetti, di rientrare al mondiale, anche se non ancora al 100% della forma.
Nella gara di qualifica del Sabato, in sella alla KTM SX 250 F del Team Marchetti, Del Segato ha subito messo in mostra buona velocità e la consueta grinta, e dopo una buona partenza, pur cercando di gestire le forze, ha concluso in una più che positiva ventunesima posizione. Purtroppo nel warm-up di Domenica mattina Giacomo è incappato in una caduta, riportando contusioni ed una fastidiosa sublussazione del pollice della mano sinistra, che necessiterà al rientro in Italia di indagini mediche strumentali. Giacomo ha voluto comunque prendere il via alle gare, con l’aiuto di antidolorifici, considerando comunque importante l’occasione per riacquistare il feeling con la competizione e per svolgere comunque un buon allenamento. Nonostante i problemi Del Segato in gara uno è stato autore di un’ottima partenza ed in fondo al rettilineo del via era in linea con i primi, ma alla curva a sinistra essendo esterno ha dovuto allargare un po’ per evitare un contatto ed ha perso diverse posizioni. Giacomo ha cercato soprattutto di gestire la gara ed ha concluso in ventottesima posizione. In gara due è invece rimasto chiuso da altri piloti subito in uscita dal cancello e si è ritrovato nelle retrovie, ma ha portato a termine la gara senza errori, concludendo trentaduesimo.
Del Segato: ‘Sono ancora lontano da una buona condizione fisica, ma sapevo comunque di poter far bene su questa pista che mi piace, e che con il fondo duro si addice alla mia guida. Così pur senza forzare ho fatto una buona qualifica al Sabato ed ero fiducioso per le due gare della Domenica, pur dovendo fare i conti con la stanchezza che nei quarantacinque minuti sarebbe sicuramente arrivata. Purtroppo la caduta nel warm-up del mattino ha complicato tutto. Ho comunque fatto le due gare e non potevo far di più, almeno è stato un weekend importante per riprendere confidenza con la gara e un ottimo allenamento. Spero che al pollice non ci siano problemi ai legamenti, perché vorrei arrivare a Matterley Basin, tra quindici giorni, in condizioni accettabili. La pista inglese mi piace’.

No comments

Post a Reply

© 2019 Marchetti Racing - webmaster: mediax@libero.it