GP 10 – Kegums

Gara uno OK per Bonini.

Trasferimento in Lettonia (paese dell’Europa nordorientale) per il circus del Mondiale Motocross, dopo la prova svedese, per il decimo appuntamento del calendario MX1.
La pista di Kegums, a 50 KM dalla capitale Riga, è uno spettacolare tracciato immerso nei boschi lettoni caratterizzato da un fondo piuttosto morbido, sabbioso. Il terreno ha tenuto abbastanza alla pioggia caduta in settimana: forti scrosci alternati a schiarite, anche durante le gare del week-end, ma è diventato a tratti fangoso, difficile e scivoloso.

Matteo Bonini in sella alla KTM SX 450 F del Team Marchetti Racing si è disimpegnato bene nella gara del sabato, guadagnando una qualifica poco oltre metà gruppo, in ventunesima posizione. In gara uno non gli è riuscita una partenza delle migliori e al primo giro è transitato in diciottesima posizione. Le difficoltà dell’insidioso tracciato hanno complicato le possibilità di rimonta ma Matteo è riuscito a restare in zona punti, anzi a guadagnare una posizione, ed ha concluso la manche diciassettesimo. Il fondo morbido-sabbioso non è tra i preferiti di Matteo, ma in gara si è difeso bene anche lottando con specialisti della sabbia come l’olandese Mark DeReuver (che poi gli è arrivato davanti) e il locale Augusts Justs.

In gara due Bonini è stato autore di un’ottima partenza, intorno alla decima posizione, ma con il fondo ancora peggiorato, e per la stanchezza di gara uno, dopo un paio di errori ha dovuto mollare oltre metà tempo.

Nonostante il ritiro in gara due Bonini è ventesimo nella classifica di GP. Ora è ventiduesimo nella classifica generale provvisoria con trentotto punti. Tutto sommato giornata positiva per la squadra di Elio Marchetti che, al primo anno di esperienza mondiale, torna dalla difficile trasferta lettone con quattro punti iridati.

Bonini: ‘In gara uno è andata bene, considerando che questo non è il mio terreno preferito, però ho faticato troppo. Sono arrivato alla gara stanco per un periodo in cui abbiamo alzato i carichi di allenamento, in prospettiva dovremmo avere dei vantaggi. Così sono contento per i punti conquistati nella prima manche, ma dispiace per la seconda perché ero partito molto bene, poi mi sono subito calate le forze ed era pericoloso continuare su una pista diventata veramente difficile. Mi sono ritirato per evitare di compromettere il recupero dopo l’infortunio. Ora in accordo con il team abbiamo deciso di saltare la trasferta in Russia: si torna in Belgio per prepararsi al meglio, e voglio anche sottopormi ad alcuni esami per verificare tutti i valori e capire meglio il calo fisico’.

No comments

Post a Reply

© 2019 Marchetti Racing - webmaster: mediax@libero.it